SponsorSponsor

SponsorSponsor
 

Denunciate tre donne, due macedoni e una italiana

Una rissa tra mendicanti nella zona internazionale. È accaduto qualche giorno fa sul piazzale del santuario di Santa Maria delle Grazie.

Protagoniste tre donne: due macedoni e una italiana tutte residenti nel comune di Foggia. La violenta lite sarebbe scaturita per il contendersi della postazione dove chiedere l’elemosina e dove condurre la propria attività di accattonaggio: due delle donne coinvolte hanno riportato lesioni e sono state entrambe medicate presso il Pronto Soccorso di Casa Sollievo della Sofferenza.

La Polizia Locale prontamente intervenuta ha provveduto all’identificazione delle tre donne coinvolte della rissa: tutte e tre sono state deferite a piede libero all’autorità giudiziaria per il reato di rissa aggravata.

Con l’approssimarsi della ripresa degli afflussi dei turisti nella zona internazionale, – ha precisato il comandante della Polizia Locale Antonio Acquaviva – il nostro comando ha intensificato i controlli le azioni di contrasto delle condotte illecite, in particolare quelle che possono pregiudicare l’accoglienza dei fedeli in visita al Santuario di San Pio. Mi riferisco in particolare al fenomeno dell’accattonaggio, posto in essere per la maggiore da cittadini residenti nella provincia di Foggia, dediti professionalmente a tale attività abusiva e da qualche tempo anche da cittadini extracomunitari, che con continue e fastidiose molestie importunano i fedeli e quanti si recano presso il polo ospedaliero della Casa Sollievo della Sofferenza”.

Nel corso dell’anno 2017 e in questi primi mesi del 2018, numerose sono state le infrazioni contestate e i sequestri di somme di denaro proveniente da queste attività illecite.

Download PDF
 

0 Commenti

Potresti essere il primo a commentare.

Lascia un commento

 

Dovresti essere loggato per postare un commento.

 
 
 
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa estesa | Chiudi