SponsorSponsor

SponsorSponsor
 

Una delegazione del “Maria Immacolata” al contest di idee per la salvaguardia di Oceani e Regioni Polari

Un gruppo di studenti del liceo “Maria Immacolata” con la prof.ssa di Scienze Maria Teresa Lombardozzi ha partecipato a Roma alla terza edizione di #ZeroHackathon.

Promosso dalla Società italiana per l’Organizzazione internazionale ( SIOI-Una Italia), in collaborazione con il MIUR, con l’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia e con la Royal Norwegian Embassy, l’Hackathon internazionale, in programma dal 2 al 4 ottobre 2019, ha visto la partecipazione di 200 studenti di Scuole Superiori e Università provenienti da tutto il mondo, coadiuvati da docenti, rappresentanti istituzionali e professionisti.

L’evento è legato, inoltre, al Piano Nazionale Scuola Digitale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), in particolare della Direzione Generale per l’Innovazione Digitale.

Hanno aperto i lavori della maratona di idee #ZEROHackathon2019 il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Lorenzo Fioramonti, insieme al Presidente della SIOI, Franco Frattini, che sono intervenuti alla cerimonia inaugurale con un intervento di saluto ai giovani partecipanti.

I giovani e motivati partecipanti si sono ritrovati nella sede del SIOI per condividere spazi di ascolto ed attività progettuali sul tema della sostenibilità dell’ambiente e trovare soluzioni innovative per affrontare la crisi climatica e cambiamenti prodotti dal riscaldamento globale e dall’inquinamento ambientale.

La competizione di idee, promuovendo il lavoro di squadra quale indispensabile strumento per affrontare le nuove sfide globali, ha coinvolto attivamente i giovani studenti invitandoli ad essere partecipi e consapevoli su un problema di stringente attualità perché essi stessi possano aprire importanti prospettive sulla salvaguardia della Natura, su come affrontare le conseguenze dei cambiamenti climatici nell’Artico,nell’Antartico e negli Oceani, su come ridurre l’inquinamento.

Nello specifico, gli studenti riuniti in 20 team sono stati coinvolti in quattro sfide, legate ad altrettanti temi:

  • Oceani e aree marine protette: ambiente e biodiversità
  • Gestione dell’inquinamento marino: rifiuti e plastica
  • Cambiamento climatico: protezione dell’artico e dell’antartico
  • Lo sfruttamento delle risorse artiche ed antartiche: implicazioni geo-strategiche, sicurezza e sviluppo sostenibile.

I team presenteranno un progetto finale in formato multimediale che sarà valutato da una giuria qualificata in termini di innovazione, impatto e sostenibilità, con premi per le migliori proposte.

 

#ZEROHackathon2019 è il primo Hackathon internazionale dedicato alla tutela degli Oceani e delle Regioni Polari. Una competizione voluta perché nascano nuove idee, proposte e soluzioni intelligenti nell’ottica di una cooperazione planetaria, oggi davvero indispensabile visto lo stato di salute del nostro Pianeta.


Download PDF
 

0 Commenti

Potresti essere il primo a commentare.

Lascia un commento

 

Dovresti essere loggato per postare un commento.

 
 
 
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa estesa | Chiudi